Trattato di Pace di Parigi

ALLEGATO VI
STATUTO PERMANENTE DEL TERRITORIO LIBERO DI TRIESTE
Art. 1.
Estensione del Territorio Libero
Il Territorio Libero di Trieste sarà delimitato dalle frontiere che sono descritte agli articoli 4 e 22 del presente Trattato ed il cui tracciato verrà stabilito conformemente all’ articolo 5 del Trattato.
Art. 2.
Integrità ed indipendenza
Il Consiglio di Sicurezza dell’Organizzazione delle Nazioni Unite assicura l’integrità e l’indipendenza del Territorio Libero. Questa responsabilità implica che esso ha il compito: a) Di far osservare le disposizioni dello Statuto Permanente specie per quanto riguarda la protezione dei diritti fondamentali dell’uomo. b) Di mantenere l’ordine e la sicurezza nel Territorio Libero.

Trattato di Pace di Parigi

ALLEGATO VII
STRUMENTO PER IL REGIME PROVVISORIO DEL TERRITORIO LIBERO DI TRIESTE
Art. 1.
Il Governatore entrerà in funzione nel Territorio Libero il più presto possibile dopo l’entrata in vigore del presente Trattato di Pace. Fino all’entrata in funzione del Governatore, il Territorio Libero continuerà ad essere amministrato dai comandi militari alleati operanti ciascuno nella loro rispettiva zona.
Art. 2.
Non appena sarà entrato in funzione nel Territorio Libero, il Governatore avrà il potere di costituire un Consiglio Provvisorio di Governo di sceglierà i membri, dopo consultazione con i Governi jugoslavo e italiano, fra le persone domiciliate nel Territorio Libero. Il Governatore avrà il diritto di modificare la composizione del Consiglio Provvisorio di Governo ogni volta che lo giudicherà necessario.

Trattato di Pace di Parigi

ALLEGATO VIII
STRUMENTO PER IL PORTO LIBERO DI TRIESTE
Art. 1.
Al fine di garantire che le strutture portuali e di transito di Trieste saranno disponibili per l’uso in condizioni di parità da tutto il commercio internazionale e dalla Jugoslavia, l’Italia e gli Stati dell’Europa Centrale, nel modo come è usuale negli altri porti liberi del mondo: a) Ci sarà un porto franco doganale nel Territorio Libero di Trieste entro i limiti previsti dalla o stabiliti in accordo con l’articolo 3 del presente Strumento. b) Le merci che passeranno nel Porto Libero Di Trieste godranno della libertà di transito come stipulato dall’ articolo 16 del presente Strumento. Il regime internazionale del Porto Libero sarà governato con le condizioni del presente Strumento.
Art. 2.
Il Porto Libero è istituito ed amministrato come una corporazione di Stato del Territorio Libero, avente tutti gli attributi di persona giuridica e funzionando in accordo con le condizioni di questo Strumento. Tutte le proprietà statali e parastatali italiane nei limiti del Porto Libero, in accordo con le condizioni del presente trattato, che passeranno al TLT saranno trasferite, senza pagamento, al Porto Libero.

L’Assemblea Popolare nascerà per tutelare i diritti dei cittadini del Territorio Libero di Trieste.

Le nostre azioni si fondano nel rispetto dei principi della DUDU (Dichiarazione Universale dei diritti dell’Uomo) 10.12 1948, della CEDU (Convenzione Europea dei diritti dell’Uomo) 4.11.1950 e ci ispiriamo ai principi fondamentali della Costituzione scritta della Repubblica Italiana 1.1.1948.
Siamo partiti con le opposizioni fiscali, coinvolgendo L’alto commissariato per i diritti dell’uomo e il Segretariato Generale dell’ONU.

L’Italia non ha la sovranità su Trieste, ha l’obbligo di far rispettare le leggi di un trattato internazionale, il Trattato di Pace del 10.02.1947.

E` importante conoscere la storia, l’appartenenza e i nostri diritti… Noi siamo cittadini del Territorio Libero di Trieste.
LEGGI LA PRESENTAZIONE »


Per ricevere la nuova carta d’identità TLT / tessera associato, leggi QUI la procedura.

carta identità TLT

Top