Sei qui
Home > notizie > Articolo-intervista pubblicato dalla BBC su Trieste e l’indipendentismo

Articolo-intervista pubblicato dalla BBC su Trieste e l’indipendentismo

BBC sito Trieste indipendentismo

Sul sito della BBC troviamo l’articolo-intervista su Trieste e il suo desiderio di indipendenza

In lingua inglese: http://www.bbc.com/news/magazine-29822594

In lingua spagnola: http://www.bbc.com/mundo/noticias…


 
Ne riportiamo, tradotti, alcuni stralci (ci scusiamo per la qualità della traduzione automatizzata):

Trieste: la città italiana che vuole il divorzio

All’indomani del referendum scozzese, movimenti di indipendenza di tutta Europa stanno cercando i propri momenti di media. E l’Italia – che è diventato solo un paese unificato nel 1861 – ha più movimenti di indipendenza rispetto alla maggior parte.
Il movimento indipendentista veneto, guidato dall’uomo d’affari Gianluca Busato, ha fatto notizia recentemente , con un referendum non vincolante in cui Busato rivendica l’87% della popolazione ha votato per l’indipendenza.
Due ore a est di Venezia, in prossimità del confine con la Slovenia, altra città posta in gioco la sua richiesta di indipendenza.

Trieste ha sempre avuto una storia culturalmente diversa – per secoli, è stata parte dell’impero austro-ungarico; dagli anni del dopoguerra, era avamposto meridionale di Churchill della “cortina di ferro” che divide l’Occidente dall’Oriente comunista.
Subito dopo la Seconda Guerra Mondiale, Trieste, al confine con la Jugoslavia, è stato riconosciuto come uno stato libero dal diritto internazionale, pur rimanendo sotto l’occupazione militare fino al 1954, quando fu tornato in Italia.
Ma per i membri del Territorio Libero di Trieste Movimento , che ha visto tra i 2.000 e 8.000 manifestanti alle sue manifestazioni negli ultimi mesi, la libertà di Trieste non è finita.
In un fatiscente palazzo del 19 ° secolo, a cinque minuti dal mare, Vito Potenza sogni di liberazione.
Tre bandiere rosse – sportivi cappotto tradizionale di Trieste di armi – appendere alle finestre; un altro tendine i tavoli ufficio.
L’insegna è ovunque: sui pin, su tazze, sulla pagina Facebook di Potenza.
“Stiamo lottando per i diritti del popolo del Territorio Libero di Trieste”, dice Potenza. “Stiamo combattendo contro il governo italiano”.

Dopo tutto, sono sotto l’occupazione.
Qui, dove il veneziano Spritz cocktail è servita con formaggio sloveno sul pane di grano, dove caffetterie sul mare offrono i loro cappuccini con un lato di panna montata viennese, molti identificano come triestino primo, secondo italiano.
Una volta che questa città è stato il grande porto dell’impero austro-ungarico; in Piazza dell ‘Unita, tre lati della piazza sono occupati da splendidi palazzi asburgici; il quarto è mare.
Una lapide ricorda il luogo in cui Mussolini ha annunciato la sua politica di leggi razziali contro gli ebrei. La Chiesa cattolica di San Antonio azioni spazio sul Canal Grande con la Chiesa ortodossa serba; la sinagoga è a due minuti di distanza.
“Siamo un popolo multiculturale”, dice Potenza – egli stesso è per metà italiano e metà croata.
Il suo Territorio Libero di Trieste movimento, che rivendica l’indipendenza per la città e il suo entroterra, è stato progettato per riflettere sul fatto che: si prevede italiano, sloveno e croato come lingue ufficiali comuni.
“L’Italia ha mantenuto la nostra cultura verso il basso per troppo tempo”, dice. Gli anni del fascismo degli anni 1920 e ’30, durante i quali la popolazione slava di Trieste fu oggetto di un programma di forzata “italianizzazione”, non sono molto tempo fa.
Potenza e suoi sostenitori credono che Trieste è legalmente libero secondo il diritto internazionale.
Essi citano una Carta 1947 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che ha riconosciuto Trieste e dintorni – comprese le parti di quella che oggi è la Croazia e la Slovenia – come uno stato libero, sia con italiani e sloveni come lingue ufficiali, soggetti alla nomina di un governatore riconosciuto a livello internazionale .

Quel “territorio libero”, tuttavia, non è mai esistito, in pratica, – durante i sette anni di triestina indipendenza, le sezioni di “territorio libero” erano governati dalla Gran Bretagna, America e Jugoslavia – fino a quando il Memorandum di Londra del 1954, che ha restituito la maggior parte della territorio in Italia.
Questa decisione, Potenza crede, ammonta a invasioni illegali: “Per 60 anni, [Italia] ha imposto la sovranità al nostro popolo … Il trattato del 1947 è la legge, è la costituzione del nostro territorio.”
Il suo collega, Giorgi Deskovich deschi, è d’accordo con fervore.
Trieste è il “freddo-tempo di Gerusalemme”, insiste.
“Io sono culturalmente italiani, ma continuo dentro di me geni croati, geni veneziani, geni slovacchi. Questa città può comprendere tutte queste caratteristiche in modo da rendere di per sé un vero e proprio centro.”
Egli immagina a Trieste libero come un “simbolo potente” per il futuro, in cui “tutte le religioni, tutta la conoscenza, tutta l’arte” esiste all’unisono.
“Trieste è veramente aperta al mondo,” dice, usando un termine massonica, “agape”, per descrivere la sua visione d’insieme. “Viviamo in un grande momento, e Trieste è al centro.”
Si tratta di una Trieste dove “i cattolici, ortodossi serbi, ebrei e massoni” tutti vivono insieme.
Massoni? È lui uno?

Sorride cagily. “Tutte le religioni e nessuno”, dice.
Ma gli obiettivi di Potenza sono economica e culturale.
Trieste ha un importante porto internazionale, Potenza sottolinea – con un sacco di tasse di importazione che vede come dovuto al Territorio Libero – ma “il governo italiano si rifiuta di applicare la legge” e raccoglie il denaro.
Perché relativamente prospera Trieste “cadere con l’Italia?” che, come lo vede, è in declino inevitabile.
Che dire della maggior parte delle persone a Trieste, che sono perfettamente felice di essere al tempo stesso triestino e italiano? Potenza si stringe nelle spalle. Essi non possono negare la legge: “Questo progetto è più importante.”
E ‘solo una questione di tempo, dice. Nel corso dell’ultimo anno, ha inviato diverse lettere e petizioni firmate alle Nazioni Unite, chiedendo il riconoscimento dello status di libero di Trieste.

“Non abbiamo ricevuto risposta”, dice.
Molti abitanti di Trieste sembrano impressionati.
“Sono pazzi”, ha detto un patrono in uno dei più nuovi bar di Trieste, che si trova nel cuore di quella che fu il ghetto ebraico. “Come può mai lavorare?”
Un altro uomo è stato più diretto: “L’unico governo che la fiducia è l’Impero austro-ungarico.”
Ancora, Potenza e deschi sono fiduciosi.
Il referendum scozzese ha aperto la porta per ulteriori movimenti di indipendenza in tutto il mondo. Eppure, Potenza mette in guardia contro il confronto di loro troppo da vicino.
“La situazione non è paragonabile Scozia. Noi non sono alla ricerca di indipendenza. Siamo già indipendenti”, insiste.
Il resto del mondo deve solo notare.

Top