Sei qui
Home > pensieri > Sentenze: quando il PAP si confronta con la Magistratura italiana rivelandone le contraddizioni

Sentenze: quando il PAP si confronta con la Magistratura italiana rivelandone le contraddizioni

La Pap, pur essendo un organizzazione molto giovane, sin dal primo momento decise di muoversi su due fronti, quello  diplomatico internazionale e  quello locale, confrontandosi con la Magistratura italiana in tema di Diritto.

Sul fronte  diplomatico, dopo la nostra presenza all’Onu di Ginevra il  1° Dicembre 2017 al decimo  Forum sulle minoranze, siamo  stati accreditati  nuovamente per effettuare delle ricerche di studio sulle dinamiche storico/giuridiche dal 1947 ad oggi.

Nel confronto con la Magistratura italiana, si sono aperte più partite, tutte contenenti l’eccezione sul difetto di giurisdizione della Repubblica italiana nel Territorio Libero di Trieste, in merito alla mancata partecipazione della Venezia Giulia al Referendum  del  2 Giugno 1946 che di fatto non ha concesso agli abitanti di queste zone di divenire cittadini italiani.

Il Prof. Alessandro Ferluga  (associato PAP) in merito ad una sanzione ingiusta, subita nello svolgimento della sua attività d’insegnante, ha effettuato ricorso presso il Giudice del lavoro al tribunale di Trieste.

Dopo vari dibattimenti, il 31 Gennaio 2018 è stata  evasa sentenza che il 2 di Marzo 2018 è passata in giudicato, dunque non più impugnabile.

Il  Giudice del lavoro, nel merito,  dichiara illegittima la sanzione erogata nei confronti del  prof. Ferluga e di conseguenza annulla  la sanzione e la sospensione dal servizio.

Molto interessante invece, la Motivazione del  rigetto  sul difetto di giurisdizione, nella quale il giudice Paola Santangelo, indirettamente ci  da dei suggerimenti esprimendosi  in tal maniera:

“… in questo ambito, innanzitutto  va ribadito che è in dubbio l’esistenza di un interesse  a proporre una questione relativa al potere di decidere di questa Autorità Giudiziaria, senza l’indicazione di altra Autorità con tale potere…”

In buona sostanza il Magistrato, sostiene che è necessario  istituire una Magistratura del TLT, per poter contestare quella italiana.

Questo rafforza sempre più la bontà del nostro progetto, ossia  costruire l’Assemblea Popolare che è l’istituzione basilare che darà origine al nostro sistema di Governo.

Ringraziamo il Prof. Alessandro  Ferluga  che per una banale sanzione, ha deciso di  tutelare i propri diritti da cittadino del Territorio Libero di Trieste e intraprendendo  questo importante percorso  ha  portato un grande risultato per il nostro ideale.

La copia della sentenza: (cliccare sulle miniature per ingrandire)

One thought on “Sentenze: quando il PAP si confronta con la Magistratura italiana rivelandone le contraddizioni

  1. Molto interessante! Spero che il percorso non venga interrotto troppo presto per sopravvenute questioni di interesse nazionale le quali hanno priorità su tutto. Mi pare che possa essere messa in discussione addirittura l’unità come la conosciamo finora.
    Buon lavoro e soprattutto bravo al prof Ferluga il quale ha aperto un varco con prospettive inimmaginabili…

Lascia un commento

Top