Sei qui
Home > notizie > Contrattacco USA alla Via della Seta e nuove possibilità per Trieste

Contrattacco USA alla Via della Seta e nuove possibilità per Trieste

Il 4 novembre 2019 e’ stato lanciato ufficialmente il Blue Dot Network, risposta Americana alla BRI cinese (conosciuta anche come la “nuova via della seta”). Il nome “Blue Dot” (in italiano “punto blu”) e’ ispirato a Carl Sagan, in riferimento a come la Terra appare dallo spazio.

Stati Uniti (OPIC), Australia (DFAT) e Giappone (JBIC) hanno svelato l’iniziativa, volta ad unire governi, settori private e società civile al fine di “promuovere standard affidabili e di alta qualità per lo sviluppo delle infrastrutture locali in un quadro aperto ed inclusivo”, volto anche al coinvolgimento di altri enti e paesi interessati (fonte: opic.gov)

La sensazione e’ che si tratti di una sorta di nuovo Piano Marshall, in forte contrapposizione al progetto cinese. Anche se al momento coinvolge solo alcuni paesi dell’area Pacifica, non e’ difficile ipotizzare un future coinvolgimento di altri paesi, tra cui quelli del Vecchio Continente. Questa nuova svolta nella guerra fredda commerciale potrebbe riservare sviluppi positivi per Trieste ed il suo porto. Infatti sarebbe possible non solo accomodare i Cinesi nel loro progetto, ma anche gli Americani. Lo spazio non manca, e le zone franche possono facilmente essere allargate a tutto il Territorio.

Qualche perplessità potrebbe comunque crearsi, dal momento che l’attuale amministrazione di Trieste ha stretto accordi (non ancora pubblici) con la Cina. Ci potrebbero essere delle frizioni, considerando anche che la dirigenza locale è fortemente connessa al tessuto politico della vicina Italia. Tuttavia le possibilità per Trieste continuano a crescere, e solo con una chiara guida sul Territorio – cosciente della sua neutralità e della sua internazionalità – sarà possible stringere accordi commerciali con tutti gli attori coinvolti, anche se diversi tra loro. Ci si augura che gli USA prendano quindi in considerazione l’idea di un coinvolgimento locale, ed al nuovo progetto si augura un futuro di cooperazione con Trieste, il suo Porto ed il suo Territorio.


Da un articolo del Financial Time leggiamo: (traduzione di cortesia by Google)

Gli Stati Uniti mirano a capitalizzare il crescente disagio in Asia sui rischi e sui costi della Belt and Road Initiative cinese, svelando uno schema di certificazione che stabilirà gli standard internazionali per i grandi progetti infrastrutturali.

La Blue Dot Network, guidata dagli americani, lunedì, ha detto ai suoi organizzatori, controllerà e certificherà i progetti per promuovere lo sviluppo di infrastrutture “orientate al mercato, trasparenti e finanziariamente sostenibili” in Asia e nel mondo.

La rete Blue Dot – che prende il nome dall’osservazione dell’astronomo Carl Sagan secondo cui la Terra sembrava un “punto blu pallido” se vista dallo spazio – inizialmente sarà guidata dalla Overseas Private Investment Corporation, in collaborazione con la Japan Bank for International Cooperation e Dipartimento australiano degli affari esteri e del commercio.

Il piano è stato annunciato dall’OPIC, l’agenzia statunitense che promuove gli investimenti nei mercati emergenti, in un forum commerciale Indo-Pacifico sponsorizzato dagli americani, tenuto insieme al summit dei leader annuali dell’Asean del gruppo regionale del sud-est asiatico.

Gli organizzatori formeranno un comitato direttivo per sviluppare il piano, invitando altri paesi, società private e gruppi della società civile a unirsi.

“Ogni punto blu è pensato per essere un punto sulla mappa che sarà un luogo sicuro per le aziende se sono interessati a progetti di infrastrutture sostenibili”, ha detto Wilbur Ross, segretario al commercio statunitense, prima del lancio del Financial Times. “Il punto è mostrare serietà sulla sostenibilità dei progetti”.

L’iniziativa segue le critiche secondo cui alcuni progetti BRI – ad esempio in Sri Lanka, Myanmar e Laos – creano trappole del debito per i paesi beneficiari o non soddisfano gli standard internazionali in materia di trasparenza, diritti dei lavoratori locali e standard ambientali.

“Il piano Marshall ha mostrato quale può essere un buon sviluppo”, ha dichiarato a FT FT David Bohigian, funzionario dell’OPIC che ha annunciato l’iniziativa, riferendosi al programma americano di aiuti alla guerra mondiale post-seconda in Europa. “La Belt and Road Initiative segue un percorso diverso dal Piano Marshall.”

Tuttavia, non è chiaro quanto sarà efficace l’iniziativa sostenuta da Washington nel frenare sviluppi BRI insostenibili. Gli organizzatori di Blue Dot Network sostengono che l’iniziativa servirà da catalizzatore per la finanza privata, ma non avrà una funzione di prestito propria. BRI, al contrario, è sottoscritto da miliardi di dollari da banche e società statali cinesi.

Il ruolo dell’America in Asia è stato al centro del vertice sull’Asean, dove Ross e Robert O’Brien, consigliere per la sicurezza nazionale, hanno guidato la delegazione degli Stati Uniti. La decisione del presidente Donald Trump di non partecipare è stata ampiamente presa in considerazione dalla stampa regionale, e diversi leader del sud-est asiatico hanno inviato lunedì funzionari di livello inferiore a un vertice Asean-USA in una mossa vista da Washington come uno sbuffo.

Quando è stato chiesto ad un incontro con la stampa se il signor Trump sarebbe dovuto venire, Carlos “Sonny” Dominguez III, il segretario finanziario filippino, ha detto: “Sarebbe bello, ma suppongo che abbia altri problemi da affrontare, e la maggior parte di essi sono domestici il momento.”

Secondo l’annuale Asia Power Index pubblicato dal Lowy Institute, con sede a Sydney, che misura l’influenza dei paesi sulle relazioni economiche, sulle capacità militari e su altri partner, gli Stati Uniti rimangono il potere globale principale in Asia, ma sono diventati un “underachiever netto” nel 2019, quando la Cina ha guadagnato terreno.

“Gli Stati Uniti rimangono un importante, ma non il principale attore economico in Asia”, ha dichiarato Hervé Lemahieu, capo del programma di potere e diplomazia asiatico di Lowy, rilevando che la Cina ora ha superato il commercio. “Devono abituarsi a questo.”

 

Elizabeth



DIVENTA SOSTENITORE!
I sostenitori della squadra di calcio del Territorio Libero di Trieste appariranno nella lista ufficiale per entrare nella storia e ricevere i ringraziamenti di tutti i cittadini!
Leggi tutto »

Lascia un commento

Top